Scopri il
nostro
Blog

Tutti gli articoli con i preziosi consigli di Nomasvello


Depilazione permanente, pulizia viso, cura della pelle del viso e del corpo e tanto altro ancora: sono gli argomenti che troverete negli articoli del blog di Nomasvello. I consigli degli esperti, come utilizzare prodotti e cosmetici, come proteggere la pelle dal sole e dal freddo. Negli articoli del blog di Nomasvello tutto ruota intorno alla cura del proprio corpo e della propria pelle!
Acne adolescenziale: che fare?
Categoria Bellezza      Mercoledì 02 Marzo

Acne adolescenziale: che fare?

Quasi tutti gli adolescenti soffrono o hanno sofferto di acne. Succede perché la pelle genera un olio particolare, chiamato sebo, che a sua volta ostruisce i pori facendo accumulare così micro particelle di sporcizia, soprattutto derivante dall’inquinamento dell’aria che danno vita così a punti neri, brufoli ed in alcune circostanze anche piccole cisti sotto pelle. Generalmente gli antiestetici brufoli compaiono non solo sul viso, ma anche su collo, schiena, petto e spalle. L'acne non è un serio rischio per la salute, anche se può causare cicatrici permanenti evidenti, senza parlare delle cicatrici che lascia nell’io di chi si trova costretto, soprattutto in età adolescenziale, a combattere con questi inestetismi.

Nomasvello e la soluzione all’acne adolescenziale

L'acne può comparire sulla pelle in diversi modi, accomunati dall’infiammazione di base che è un segno caratteristico di brufoli, punti neri e cisti. Ma vediamoli nel dettaglio:

Punti neri a testa bianca: sono effettivamente punti bianchi, ovvero pori colpiti da sebo e sporcizia ricoperti da strati di pelle. Semplice pensare come diventino bianchi per via del pus derivante dall’infiammazione sotto cutanea.

Punti neri: protuberanze nere che sono pori colpiti in cui il materiale accumulato spinge fuori attraverso i follicoli. Il colore nero non proviene dallo sporco, bensì, da batteri, cellule morte della pelle e particelle di smog che reagiscono con l'ossigeno presente nell’aria.

Papule, pustole o noduli: sono denominazioni caratteristiche di lesioni più gravi che appaiono rosse e gonfie a causa di infiammazione o infezione del tessuto intorno ai follicoli ostruiti, che sono spesso dolorose da estrarre e si differenziano dalle altre forme di acne poiché risultano dure al tatto.

Perché non tutte le persone soffrono di acne?

Non è chiaro il motivo per cui alcune persone sono più inclini all'acne rispetto ad altre.

La causa esatta dell'acne non è nota, ma gli ormoni chiamati androgeni possono svolgere un ruolo da protagonista. Gli androgeni aumentano sia nei ragazzi che nelle ragazze durante la pubertà. Gli ormoni di questo genere, fanno ingrossare le ghiandole sebacee della pelle e, quindi, producono più sebo. Per le donne, gli ormoni androgeni possono anche aumentare a causa dei cambiamenti ormonali legati alla gravidanza o all'inizio o all'interruzione della pillola anticoncezionale.

Anche la genetica svolge un ruolo chiave. Generalmente se uno o entrambi i genitori avevano l'acne, il figlio potrebbe ereditare questa patologia per via della mappatura genetica.

Alcuni farmaci, ad esempio le cure ormonali, assunti come medicinali, i farmaci per l'epilessia, il litio ed altri presenti sul mercato, possono causare l'acne. Anche i cosmetici, quelli a base grassa, occludendo i pori, possono essere causa di acne.

Come si combatte l'acne?

Gli specialisti, spesso trattano l'acne soltanto nei casi più gravi. Generalmente nella logica del “fai da te” ognuno nel singolo, tratta l’acne con soluzioni topiche, ovvero trattamenti spalmabili sulla pelle.

Questi includono acido acetico, perossido di benzoile, acido salicilico e zolfo. Questi trattamenti sono disponibili in molte forme tra cui gel, lozioni, creme e saponi. Quando questi prodotti vengono utilizzati regolarmente, sono moderatamente efficaci nel trattamento dell'acne. Potrebbero essere necessarie 4-8 settimane prima che la pelle migliori ma chiaramente si tratta di formule palliative e non curative.

Gli esperti Nomasvello, in soccorso a chi è costretto alla convivenza con questi terribili inestetismi, hanno messo a punto il trattamento Proskin, il quale consiste in una approfondita pulizia del viso differente dalla tradizionale pulizia a mezzo spremitura, poiché i metodi tradizionali praticati nella maggior parte dei centri estetici tendono soltanto ad infiammare la pelle e successivamente a peggiorare la situazione per via di tutte le lozioni chimiche a base di acido. Proskin di Nomasvello consiste in una minuziosa pulizia del viso tramite ultrasuoni che consentono, innanzi tutto l’eliminazione delle cellule morte e successivamente la rigenerazione della pelle per via della stimolazione della produzione di collagene in maniera del tutto delicata e non invasiva. Mettersi in contatto con il centro più vicino è semplice e veloce, basta compilare l'apposito form di contatto per avere tutte le informazioni del caso propedeutiche ad un primo incontro conoscitivo con gli esperti Nomasvello.

Copyright © 2011-2022
Nomasvello Italy srl
P.iva: 11522931002
All rights reserved
         NOMASVELLO
powered by H.T. srl