Quando si dice, “vincere una gara per un pelo”

Data

Mercoledì 25 Settembre

Categoria

Depilazione

Quando si dice, “vincere una gara per un pelo”

Il peso dei peli superflui non riguarda soltanto un problema estetico. Negli ultimi anni infatti un numero sempre più persone hanno iniziato i trattamenti di depilazione con la Luce Pulsata (IPL) o Fusion Nomasvello per eliminare quello che risulta essere un problema o un ostacolo nel campo dello sport. Una scelta non a caso quello di utilizzare la tecnologia migliore in campo, visto ormai le fastidiose controindicazioni della classica depilazione “a strappo” o “ceretta” che dir si voglia. Per approfondire l’argomento, vi consigliamo un nostro articolo, sempre attuale, che potete trovare qui

Ogni sport ha la sua motivazione per la depilazione

I motivi alla base dell’esigenza di avere gambe, braccia e torso perfettamente lisci e senza peli sono diversi e possono anche cambiare a seconda della tipologia di sport che si pratica.

I vantaggi della depilazione nel nuoto

Nel nuoto ad esempio, la depilazione è fondamentale nell’ottimizzazione dei risultati: i peli infatti favoriscono la “resistenza” in acqua e, oltre ad essere anti estetici, creano problemi anche nel momento di indossare costumi o tute tattiche come quelle che vediamo nei campionati e nelle olimpiadi. Sembrerebbe un fattore risibile, ma stando a quanto dichiarato dagli atleti, l’assenza di peli migliora -e non di poco- la cosiddetta “fluidodinamica”. Basti pensare che l’acqua è 800 volte più densa dell’aria e quindi anche quei peli in meno possono fare una certa differenza nel risultato finale.

Inoltre una pelle senza peli evita fastidiosi pruriti e sudorazioni soprattutto con le tute aderenti e studiate per una migliore dinamica di velocità in acqua.

Gambe lisce e depilate per i ciclisti

Nel ciclismo invece, la depilazione –soprattutto delle gambe – è una necessità pratica e di sicurezza prima di tutto. In caso di infortuni infatti (abbastanza frequenti purtroppo), la presenza di peli sulle gambe rischia di creare problemi di igiene e di intralcio al soccorso. Un’altra conseguenza pratica di gambe lisce e senza peli superflui è quello di riuscire a ricevere massaggi pre e post gara più veloci ed efficaci. La presenza di peli infatti renderebbe l’assorbimento di medicamenti ed unguenti più difficile e più complicata.

Meno peli superflui possono fare la differenza in una gara

Si potrebbe obiettare che queste pratiche possano sembrare soltanto delle scuse e che la scelta di depilarsi per gli sportivi sia soltanto dettata da motivi estetici più che funzionali, invece non è così. Sono tantissimi i campioni che sottolineano i benefici di questa pratica. Nel nuoto ad esempio, non ne fanno mistero personaggi del calibro di Michael Phelps, nel tennis quasi tutto l’arco del Grand Slam sfoggia gambe glabre e depilate. Nell’atletica anche la campionessa Fiona May  (la cui figlia, Larissa, proprio negli ultimi mesi ha riportato vittorie significanti in campo atletico internazionale) sostiene l’utilità della depilazione. In una recente intervista ha dichiarato che” spesso, la pelle glabra –soprattutto in alcuni sport come il nuoto ma anche nell’atletica stessa- possa fare la differenza nelle performance, migliorandole anche di pochissimi centesimi di secondo, spesso fondamentali nell’intera economia di gara”.

Infine, l’estetica. Secondo gli esperti, sentirsi più belli e a posto, aiuta la coscienza di sé e la consapevolezza di una certa sicurezza, elementi che possono dare quella carica in più agli atleti, soprattutto in una gara.  Non è un caso che nei sondaggi sugli atleti più belli, nei primi 20-30 posti ci siano campioni che fanno della pelle glabra e ben depilata un “Must”.

E proprio per coloro che praticano sport, Nomasvello ha pensato ad una promozione speciale: tutte le info sulla pagina specifica del sito.

Data

Mercoledì 25 Settembre

Categoria

Depilazione

Quando si dice, “vincere una gara per un pelo”

Il peso dei peli superflui non riguarda soltanto un problema estetico. Negli ultimi anni infatti un numero sempre più persone hanno iniziato i trattamenti di depilazione con la Luce Pulsata (IPL) o Fusion Nomasvello per eliminare quello che risulta essere un problema o un ostacolo nel campo dello sport. Una scelta non a caso quello di utilizzare la tecnologia migliore in campo, visto ormai le fastidiose controindicazioni della classica depilazione “a strappo” o “ceretta” che dir si voglia. Per approfondire l’argomento, vi consigliamo un nostro articolo, sempre attuale, che potete trovare qui

Ogni sport ha la sua motivazione per la depilazione

I motivi alla base dell’esigenza di avere gambe, braccia e torso perfettamente lisci e senza peli sono diversi e possono anche cambiare a seconda della tipologia di sport che si pratica.

I vantaggi della depilazione nel nuoto

Nel nuoto ad esempio, la depilazione è fondamentale nell’ottimizzazione dei risultati: i peli infatti favoriscono la “resistenza” in acqua e, oltre ad essere anti estetici, creano problemi anche nel momento di indossare costumi o tute tattiche come quelle che vediamo nei campionati e nelle olimpiadi. Sembrerebbe un fattore risibile, ma stando a quanto dichiarato dagli atleti, l’assenza di peli migliora -e non di poco- la cosiddetta “fluidodinamica”. Basti pensare che l’acqua è 800 volte più densa dell’aria e quindi anche quei peli in meno possono fare una certa differenza nel risultato finale.

Inoltre una pelle senza peli evita fastidiosi pruriti e sudorazioni soprattutto con le tute aderenti e studiate per una migliore dinamica di velocità in acqua.

Gambe lisce e depilate per i ciclisti

Nel ciclismo invece, la depilazione –soprattutto delle gambe – è una necessità pratica e di sicurezza prima di tutto. In caso di infortuni infatti (abbastanza frequenti purtroppo), la presenza di peli sulle gambe rischia di creare problemi di igiene e di intralcio al soccorso. Un’altra conseguenza pratica di gambe lisce e senza peli superflui è quello di riuscire a ricevere massaggi pre e post gara più veloci ed efficaci. La presenza di peli infatti renderebbe l’assorbimento di medicamenti ed unguenti più difficile e più complicata.

Meno peli superflui possono fare la differenza in una gara

Si potrebbe obiettare che queste pratiche possano sembrare soltanto delle scuse e che la scelta di depilarsi per gli sportivi sia soltanto dettata da motivi estetici più che funzionali, invece non è così. Sono tantissimi i campioni che sottolineano i benefici di questa pratica. Nel nuoto ad esempio, non ne fanno mistero personaggi del calibro di Michael Phelps, nel tennis quasi tutto l’arco del Grand Slam sfoggia gambe glabre e depilate. Nell’atletica anche la campionessa Fiona May  (la cui figlia, Larissa, proprio negli ultimi mesi ha riportato vittorie significanti in campo atletico internazionale) sostiene l’utilità della depilazione. In una recente intervista ha dichiarato che” spesso, la pelle glabra –soprattutto in alcuni sport come il nuoto ma anche nell’atletica stessa- possa fare la differenza nelle performance, migliorandole anche di pochissimi centesimi di secondo, spesso fondamentali nell’intera economia di gara”.

Infine, l’estetica. Secondo gli esperti, sentirsi più belli e a posto, aiuta la coscienza di sé e la consapevolezza di una certa sicurezza, elementi che possono dare quella carica in più agli atleti, soprattutto in una gara.  Non è un caso che nei sondaggi sugli atleti più belli, nei primi 20-30 posti ci siano campioni che fanno della pelle glabra e ben depilata un “Must”.

E proprio per coloro che praticano sport, Nomasvello ha pensato ad una promozione speciale: tutte le info sulla pagina specifica del sito.