Follicolite: combatterla con la Luce pulsata

Data

Martedì 20 Ottobre

Categoria

Bellezza

Follicolite: combatterla con la Luce pulsata

Migliaia di persone in Italia oggi soffrono di follicolite, un inestetismo molto fastidioso che colpisce i follicoli piliferi, quelle minuscole strutture della pelle che producono le cellule che andranno a costituire il pelo.

La follicolite è un’infiammazione dei follicoli piliferi determinata da batteri, funghi e virus, e può colpire in maniera più superficiale o profonda. In entrambi i casi, i sintomi sono caratterizzati dalla comparsa di brufoli arrossati o pieni di pus nella zone dei follicoli, da bolle piene di pus che scoppiano e formano una crosta, pelle arrossata e infiammata, prurito e dolore. Nei casi più gravi, le lesioni della follicolite possono generare la comparsa di cicatrici che rovinano l’epidermide e può diventare un vero disagio emotivo per la persona colpita.

La follicolite colpisce tutte le zone del corpo in cui ci sono follicoli piliferi. Ne soffrono sia le donne che gli uomini, ma i più colpiti sono gli adolescenti maschi nella zona della barba.

Perché compare la follicolite?

Esisono diversi tipi  di follicolite, ma le cause principali di questo inestetitsmo sono alcuni batteri messi in circolo nell’organismo per via della rasatura e della depilazione: ceretta, epilatore elettrico e rasoio, infatti, danneggiano la pelle e questo permette ai batteri di infettare il follicolo pilifero. Queste forme di follicolite possono essere evitate cambiando metodo di depilazione e passando alla  Luce pulsata, che non solo non aggredisce la pelle, ma permette anche di ricostruirla. Oltre alla depilazione, anche abiti molto stretti, acqua contaminata della piscina e acqua calda possono provocare la follicolite.

Le follicoliti più comuni sono:

  • Follicolite da strafilococco. Questo tipo di follicolite è la più comune e colpisce qualsiasi zona del corpo in cui sono presenti follicoli piliferi. Quando colpisce la zona della barba, viene chiamata prurito del barbiere. Questa follicolite è determinata dalle ferite provocate dalla rasatura e dalla depilazione, che permettono allo strafilococco, che vive solitamente sulla superficie della pelle, di penetrare nell’organismo attraverso il sangue;
  • Pseudofolliculitis barbae. Questo tipo di follicolite è provocato dalla rasatura e colpisce la zona della barba, che si infetta per via dei peli incarniti dovuti alla rasatura. In alcuni casi, questo tipo di follicolite può causare la formazione di cicatrici scure in rilievo (cheloidi) sul viso e sul collo;
  • Follicolite da pityrosporum. Questo tipo di follicolite colpisce soprattutto gli adolescenti maschi e gli uomini in generale. È causata da un lievito e provoca la comparsa di pustole croniche, arrossate e pruriginose sulla schiena e sul torace e in alcuni casi anche sul collo, sulle spalle, sull’avambraccio superiore e sul viso;
  • Follicolite da Pseudomonas (follicolite da bagno caldo). Questo tipo di follicolite è provocato dai batteri del tipo Pseudomonas. Questi tipi di batteri vivono soprattutto in ambienti particolari come le piscine in cui i livelli del cloro e del PH non sono ben regolati. Dopo un periodo variabile dalle 8 ore ai cinque giorni dall’esposizione al batterio, compare un’eruzione cutanea con brufoli arrossati, rotondi e che provocano prurito; poi i brufoli si trasformano in pustole, cioè in piccole sacche piene di pus. L’eruzione cutanea, con ogni probabilità, è più grave nelle zone in cui il costume trattiene l’acqua contaminata a contatto con la pelle.

In alcuni casi, la follicolite da rasatura può essere così pesante e da comportare l’infiammazione dell’intero follicolo pilifero. In questo caso si parla di Sycosis barbae, una forma di follicolite che colpisce gli uomini che iniziano a radersi. Si presenta con piccole pustole, prima sul labbro superiore, poi sul mento e sulla mascella, che diventano sempre più evidenti man mano che si continua a fare la barba. La sicosis barbae grave può lasciare cicatrici.

Prevenzione della follicolite:

  • evitare di depilarsi con rasoio, ceretta ed epilatori elettrici e passare a sistemi più delicati come la Luce pulsata;
  • evitare di utilizzare indumenti troppo stretti;
  • evitare di andare in piscine con poca attenzione all’igiene e alla pulizia dell’acqua.

Per contrastare la follicolite, il medico potrebbe consigliarvi di fare impacchi di acqua tiepida sulla zona infettata, di prendere farmici indicati e di pulire la zona con del delicato sapone antibatterico. In ogni caso, la autodiagnosi e prevenzione può essere rischiosa ed è sempre meglio rivolgersi ad un medico.  

 

 Vuoi prevenire la follicolite con la Luce pulsata? Provala Gratis

 

 

Data

Martedì 20 Ottobre

Categoria

Bellezza

Follicolite: combatterla con la Luce pulsata

Migliaia di persone in Italia oggi soffrono di follicolite, un inestetismo molto fastidioso che colpisce i follicoli piliferi, quelle minuscole strutture della pelle che producono le cellule che andranno a costituire il pelo.

La follicolite è un’infiammazione dei follicoli piliferi determinata da batteri, funghi e virus, e può colpire in maniera più superficiale o profonda. In entrambi i casi, i sintomi sono caratterizzati dalla comparsa di brufoli arrossati o pieni di pus nella zone dei follicoli, da bolle piene di pus che scoppiano e formano una crosta, pelle arrossata e infiammata, prurito e dolore. Nei casi più gravi, le lesioni della follicolite possono generare la comparsa di cicatrici che rovinano l’epidermide e può diventare un vero disagio emotivo per la persona colpita.

La follicolite colpisce tutte le zone del corpo in cui ci sono follicoli piliferi. Ne soffrono sia le donne che gli uomini, ma i più colpiti sono gli adolescenti maschi nella zona della barba.

Perché compare la follicolite?

Esisono diversi tipi  di follicolite, ma le cause principali di questo inestetitsmo sono alcuni batteri messi in circolo nell’organismo per via della rasatura e della depilazione: ceretta, epilatore elettrico e rasoio, infatti, danneggiano la pelle e questo permette ai batteri di infettare il follicolo pilifero. Queste forme di follicolite possono essere evitate cambiando metodo di depilazione e passando alla  Luce pulsata, che non solo non aggredisce la pelle, ma permette anche di ricostruirla. Oltre alla depilazione, anche abiti molto stretti, acqua contaminata della piscina e acqua calda possono provocare la follicolite.

Le follicoliti più comuni sono:

  • Follicolite da strafilococco. Questo tipo di follicolite è la più comune e colpisce qualsiasi zona del corpo in cui sono presenti follicoli piliferi. Quando colpisce la zona della barba, viene chiamata prurito del barbiere. Questa follicolite è determinata dalle ferite provocate dalla rasatura e dalla depilazione, che permettono allo strafilococco, che vive solitamente sulla superficie della pelle, di penetrare nell’organismo attraverso il sangue;
  • Pseudofolliculitis barbae. Questo tipo di follicolite è provocato dalla rasatura e colpisce la zona della barba, che si infetta per via dei peli incarniti dovuti alla rasatura. In alcuni casi, questo tipo di follicolite può causare la formazione di cicatrici scure in rilievo (cheloidi) sul viso e sul collo;
  • Follicolite da pityrosporum. Questo tipo di follicolite colpisce soprattutto gli adolescenti maschi e gli uomini in generale. È causata da un lievito e provoca la comparsa di pustole croniche, arrossate e pruriginose sulla schiena e sul torace e in alcuni casi anche sul collo, sulle spalle, sull’avambraccio superiore e sul viso;
  • Follicolite da Pseudomonas (follicolite da bagno caldo). Questo tipo di follicolite è provocato dai batteri del tipo Pseudomonas. Questi tipi di batteri vivono soprattutto in ambienti particolari come le piscine in cui i livelli del cloro e del PH non sono ben regolati. Dopo un periodo variabile dalle 8 ore ai cinque giorni dall’esposizione al batterio, compare un’eruzione cutanea con brufoli arrossati, rotondi e che provocano prurito; poi i brufoli si trasformano in pustole, cioè in piccole sacche piene di pus. L’eruzione cutanea, con ogni probabilità, è più grave nelle zone in cui il costume trattiene l’acqua contaminata a contatto con la pelle.

In alcuni casi, la follicolite da rasatura può essere così pesante e da comportare l’infiammazione dell’intero follicolo pilifero. In questo caso si parla di Sycosis barbae, una forma di follicolite che colpisce gli uomini che iniziano a radersi. Si presenta con piccole pustole, prima sul labbro superiore, poi sul mento e sulla mascella, che diventano sempre più evidenti man mano che si continua a fare la barba. La sicosis barbae grave può lasciare cicatrici.

Prevenzione della follicolite:

  • evitare di depilarsi con rasoio, ceretta ed epilatori elettrici e passare a sistemi più delicati come la Luce pulsata;
  • evitare di utilizzare indumenti troppo stretti;
  • evitare di andare in piscine con poca attenzione all’igiene e alla pulizia dell’acqua.

Per contrastare la follicolite, il medico potrebbe consigliarvi di fare impacchi di acqua tiepida sulla zona infettata, di prendere farmici indicati e di pulire la zona con del delicato sapone antibatterico. In ogni caso, la autodiagnosi e prevenzione può essere rischiosa ed è sempre meglio rivolgersi ad un medico.  

 

 Vuoi prevenire la follicolite con la Luce pulsata? Provala Gratis